Sorriso disarmante, competenza e sicurezza sono il suo biglietto da visita.

Nata nell’altomilanese , per la precisione ,a Legnano il 4 settembre 1978 sotto il segno della Vergine con ascendente cancro nell’anno cinese del Cavallo.

Dopo il liceo classico si è iscritta a Giurisprudenza in Cattolica e il suo ingresso nell’azienda di famiglia (creata dal nonno Remo nel 1951 e che produce finestre in legno) è avvenuto per caso: un giorno a pranzo suo padre le chiese se poteva fargli un favore.

All’epoca (2001) avevano uno show room vicino alla Bocconi in Porta Lodovica gestito da due dipendenti.

Uno dei due era una donna di 48 anni che rimase in dolce attesa, peccato che decise di comunicarlo ai titolari a gravidanza inoltrata, fu allora che venne chiesto a Silvia di sostituirla.

In teoria avrebbe dovuto rispondere al telefono e ricevere i clienti di tanto in tanto qualora l’altro collaboratore si fosse dovuto assentare dallo show room.

Di fatto però una volta inserita scattò in lei l’orgoglio dal momento che l’azienda portava il suo cognome.

E fu così che piano piano, dalla giurisprudenza passo a ” auto formarsi” sul complesso mondo delle finestre.

La svolta avvenne poco dopo quando Silvia incontrò un architetto che divenne ” il suo Pigmalione”.

Collaborava come rappresentante con diversi brand di arredamento e le propose di andare ogni tanto in giro con lui in affiancamento a visitare i suoi clienti che erano per l’appunto show room di arredamento.

Silvia Scopri cos’era il design e iniziò ad emergere il suo lato più esteta che fino ad allora era rimasto sopito.

La ricerca della bellezza nella sua accezione più piena da quel momento iniziò ad essere la sua stella polare.

Per Silvia tutto quanto gira intorno al bello e curato ha un valore quasi terapeutico.

Circondarsi di cose belle, persone belle, vivere in contesti belli è diventato quasi una missione per lei.

Decise così di voler trasformare l’azienda di famiglia nel gotha dei design store milanesi e da quel momento iniziò il suo percorso che in 15 anni l’ ha portata alla creazione di SANTASOFIA27.

Il primo obiettivo è stato quello di differenziare il loro showroom da tutti gli altri negozi di porte&finestre che espongono i prodotti in modo , diciamo,” accademico”.

Per poter abbracciare a pieno l’universo legato al design, è stato necessario cambiare sede: da Porta Lodovica a Santa Sofia dove trovà una location con 6 vetrine su strada e disposto su due livelli.

L’investimento economico dell’affitto era elevato e per convincere suo padre adotto’ una formula di co-branding molto innovativa per quell’epoca dove ogni partner per essere presente nello spazio paga una fee mensile.

L’idea alla base non era solo quella di condividere i costi ma di sviluppare una strategia di comunicazione con le aziende partner: organizzare eventi condivisi, fare promozione sugli studi di architettura, ecc.

Comunicare per Silvia significa connettere, mettere insieme, aggregare persone che hanno un DNA comune, legato alla ricerca e all’innovazione con il fine di creare qualcosa di bello e positivo per i Partner.

Scrivere le è sempre piaciuto, non è un caso che sia diventata una giornalista pubblicista.

Ha coinvogliato 3 cose cui è molto legata (la sua azienda di famiglia, la sua passione per il design e la comunicazione) in questo progetto oggi splendida realtà nel panorama Milanese.
SANTASOFIA27: non vuole essere un design store come ce ne sono tanti, ma un incubatore in costante divenire, dove tutto può accadere, shooting, eventi, mostre d’arte e di fotografia, co-working, addirittura , nel pieno concetto di trasversalità nel comunicare, lezioni di yoga in vetrina

“Nella mia testa vorrei che diventasse sempre più una casa e meno uno showroom.
Mi piace l’idea che chi viene a trovarci non venga solo per business o per comprare qualcosa, ma quasi fosse un club dove si ha il piacere di venire.
Un polo di eccellenza, dove vedere cose belle e trovare professionisti di alto livello. E dove succedono cose…sempre in mutazione.”
Silvia Gorlini

 

Le finestre che tutt’ora la GORLINI produce nella sede storica di Legnano rimangono il loro core business perfettamente inseriti nella WONDERLAND legata al design che si chiama
SANTASOFIA27

linkedin

instagram

facebook