Nella storia dell’arte ci sono sempre stati artisti che hanno contribuito ad offrire una versione del presente inaspettata e incredibilmente libera. 
Alcuni sono stati scoperti e valorizzati col tempo, altri hanno combattuto con tutte le forze quel sistema di cose che proprio non accettavano. Poi ci sono quelli che aprono nuovi varchi, che hanno un talento tale da porli fuori da ogni confronto e paragone di sorta. Mario Vespasiani appartiene a questa ristrettissima categoria che oltrepassa le più comuni classificazioni e che si muove su più versanti, con una vitalità che da tempo non si coglieva nell’arte Italiana.
 Artista visivo, nato in quel golfo di Venezia i cui toni di colore arrivano fino alle Marche, al compimento dei quarant’anni e dei venti di attività si svela in questo libro che rispecchia il suo essere, tra leggerezza e profondità, semplicità della parola e potenza del messaggio. Pittore nato, espone fin da quando disegnava sui banchi dell’Istituto d’Arte, dove conosce Mara che diventerà la sua musa storica e “regista” della pubblicazione. 
Hey, Mr. Mario Vespasiani è infatti il titolo che lei ha scelto richiamando il comune saluto di tanti amici stranieri all’artista e ha impostato il ritmo delle pagine come una narrazione cinematografica che inquadra, momenti privati, inaugurazioni, opere e allestimenti, alternando le immagini con frasi e considerazioni che ha recuperato negli anni anni sulla fan page Facebook di Mario
 Il risultato è quello di un “manuale di volo”, con flashback avanti e indietro, sul questo ventennio di carriera di un artista che ha saputo fondare regole proprie, in uno spazio mobile ma ben definito, dove l’etica corrisponde all’estetica, la luminosità delle opere alla brillantezza dei suoi occhi.
 
Quaranta, tra libri e cataloghi personali hanno immortalato la sua ricerca e questo volume sembra essere un segnale di come lui voglia porsi, anche fisicamente, sottolineando la sparizione del confine tra arte e vita e attualizzando il senso del sacro in ogni tema trattato come in ogni giorno speso in studio, indifferente se la nostra società ha puntato invece a desacralizzare anche quelli che venivano considerati da sempre dei valori indiscutibili.
Il volume si apre con la personale Cosmogonia, un’inaspettata e minuziosa descrizione degli elementi di cui è composta la sua ricerca, elencando sia quelli visibili che quelli invisibili di cui si nutre.
 Mario Vespasiani è ad oggi considerato uno dei grandi maestri del colore e il questo libro espande la sua energia creativa, evidenziando come si possa avere un’identità chiara da essere riconosciuto in un semplice colpo di pennello e come il suo “Italian Touch” lo abbia reso inconfondibile: per come si muove, per come ti guarda e per il suo stile. Lo si riconosce a distanza, per le vibrazioni che emanano i suoi colori o perfino per come indossa un cappello.
 
 
Caratteristiche:
Titolo: Hey, Mr. Mario Vespasiani
pagine: 216
formato: 23×15,5 cm
curatrice: Mara
anno: 2018