“Sapere che è possibile creare un lavoro complesso con solo due elementi fondamentali è la cosa più affascinante che io possa immaginare. Lavorare digitalmente è una specie di filosofia per me.
Significa creare con il linguaggio binario di 0 e 1. Due valori complementari che possono essere interpretati in più modi come “on e off”, “sì e no”, ma anche come “yin e yang”, “essere o non essere “, Iside e Osiride ….”

Beat Kuert  http://www.beatkuert.com

Beat Kuert, “Good Morning Darkness”
Da mercoledi 17 gennaio fino al 3 Febbraio 2018 le opere saranno esposte al

   M.A.C. Alzaia Naviglio Grande,54  Milano   http://www.miradoliarte.com/mac/

Come afferma Beat Kuert, “Le mie immagini sono scure, e molto vulnerabili sono come pensieri che sorgono e volano via.

Ho montato le mie immagini come su un nastro, una dietro l’altra così vicine che parzialmente si fondono.

Esposizione curata da Francesca Martire.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here