“Il blues torna con un grande festival anche a Milano”, così ha aperto la conferenza stampa Dr. Feelgood,

alias Maurizio Faulisi, che sarà il presentatore delle due serate del 3 e 4 maggio della prima edizione di Milano Blues Session, al Teatro San Babila.

Già alla prima edizione, il festival si propone come un evento di grande Blues di livello mondiale, vista la partecipazione di band e musicisti di fama internazionale.

Promotore del festival è The Blues Place Srls. “La società è nata con l’obiettivo di organizzare eventi blues al fine di promuoverne la diffusione” ha spiegato Andrea Capurso, venticinquenne appassionato di questa musica. “L’obiettivo è di portare i concerti Blues all’interno degli spazi teatrali delle più importanti città italiane e non solo. L’intento è quello di valorizzare il più possibile il genere e di ampliare l’offerta sul territorio proponendo combinazioni di sonorità e origini differenti”.

Obiettivi senza dubbio impegnativi ma, a giudicare dall’esordio, non c’è da dubitare della riuscita.

Milano Blues Sessions porterà infatti sul palcoscenico milanese grandi e importanti nomi della scena Blues, internazionale ed italiana.

La rassegna sarà aperta venerdì 3 maggio alle ore 21 da

 Giles Robson uno dei più importanti esponenti della nuova generazione di armonicisti Blues.

Seguirà la 

Treves Blues Band, che, sotto la guida e l’ispirazione del padre del blues italiano Fabio Treves, è sulla scienza dal 1974.

“Sono felice e orgoglioso di questo evento, perché mi ripaga dei tanti sforzi fatti nella mia carriera per diffondere il blues” ha dichiarato il “Puma di Lambrate” che, stimolato dal palco e da un microfono, era evidentemente più desideroso di suonare che di parlare.

Il 4 maggio sempre alle ore 21 sarà protagonista Billy Branch, uno dei più affermati ed influenti armonicisti degli ultimi decenni, che si esibirà con la sua band The Sons of Blues.

Verrà preceduto sul palco da Egidio “Juke” Ingala e dai suoi Jacknives, tra le più rinomate band old-school rockin’ blues. sulla scena internazionale da diversi anni.

Sul palco anche Francesco Piu, polistrumentista sardo ormai famoso anche all’estero, che propone una irresistibile miscela esplosiva di blues, funky e rock.

Il Blues, alle cui ritmiche e sonorità si sono ispirati e si riferiscono ancora oggi i grandi musicisti del rock e del pop è sempre stato seguitissimo dal pubblico milanese più appassionato. Oggi sta suscitando un nuovo crescente interesse anche tra i giovani.

Un vasto pubblico di appassionati, giovani e adulti che certamente non vedono l’ora che le porte del Teatro San Babila si aprano al grande, immenso bluuuuuues!

Scritto da Steve Fortunato

Fabio Treves e Steve Fortunato

Pubblicato in collaborazione con

www.postgarage.club

 VERY SOCIAL PEOPLE

Milano Blues Sessions

3-4 maggio 2019

Organizzazione: The Blues Place Srls

Biglietti: Biglietto unico € 21

Abbonamento 2 serate 32€

Biglietteria: telefono 02798010

e-mail info@teatrosanbabilamilano.it

Teatro San Babila Corso Venezia 2/a – 20121 Milano