Una breve introduzione e poi lasciamo la parola ad Alex:

Alessio Lacenere, in arte Alex Milani, nasce a Torino nel 1969 ma da sempre vive a Brescia.
Sebbene nato artisticamente nei fantastici anni 80 non si ispira a quel genere di musica, la musica che propone è per la maggior parte musica commerciale ed electro house.

Oggi collabora con numerose radio in giro per l’europa.

E’ un produttore remixer e sound designer e sta iniziando delle collaborazioni con dei network su territorio Italiano.
E’ parte attiva di AUDIOACADEMY una scuola che ha sede nel Vicentino, dove insieme ad altri professionisti del settore, tiene corsi di vari livelli a DJ emergenti e non.

Nel 2016 viene scelto come testimonial per una marchio di abbigliamento giovane e per clubbers NATURAL BORN DEEJAY che lo accompagna in giro per i club ed eventi con le loro creazioni.

      http://www.naturalborndeejay.com/?lang=en

Ultimo suo Singolo di Alex Milani

WHERE THE STARS GO FEAT. RHETT FISHER, https://www.youtube.com/watch?v=4KMABW1QPjk

       http://www.alexmilani.com/

 

Alex come nasce l’idea e poi la creazione di un pezzo?

Beh facendo solo una piccola premessa, posso dire che un DJ oggi per essere completo deve anche essere un PRODUCER, e in veste di tale posso dire che un pezzo nasce per caso, da un’idea un suono una melodia che “frulla nella mente”.

Per scendere piu’ nel concreto, il mio ultimo brano “WHERE THE STARS GO” cantato da una voce importante come quella di RHETT FISHER, pubblicata su etichetta EXECUTIVA MUSIC, nasce da una “voglia” di allegria di festival, di beach party…..

       
Mi spiego meglio, volevo creare un brano che desse un’idea di estate, di caldo, di festival musicale dove si balla ininterrottamente per ore, quindi di conseguenza di beach party, di fuori dagli schemi, di liberta’….. cio’ che per portare un esempio “di casa nostra” accade al SAMSARA di Gallipoli.

Partendo da questa idea, insieme allo staff di EXECUTIVA abbiamo lavorato e dato vita a questo brano che penso trasmetta esattamente ciò che mi ero immaginato.

La soddisfazione massima quando produci un brano e’ poi il feedback che persone o addetti ai lavori ti trasmettono, e subito dopo l’uscita del brano su tutte le piattaforme digitali, il giudizio e’ stato molto positivo, testimoniato anche dalle più di 126.000 visualizzazioni del video su youtube, e soprattutto dall’interesse di HITMANIA ESTATE 2017 e che l’ha inserito nella compilation.
Tutto ciò parte da una mia passione per la musica, che ho sempre avuto e sempre coltivato sin da ragazzino.

Ebbene si… Questo ha inizio molti anni fa quando a 14 anni, insieme ad amici andavo a ballare la domenica pomeriggio in discoteca, e mi affascinava questa figura (al tempo abbastanza nascosta) del DJ.

Da allora ho iniziato ad avvicinarmi a questa “professione” e col tempo, sforzo dopo sforzo (non esistevano ne tutorial ne consolle evolute che miscelavano canzoni da sole) passavo le mie ore libere su piatti mixando i vinili e cercando di capire quale fosse la mia giusta “strada musicale”.

In concomitanza a questo suonavo la batteria in un piccolo gruppo creato da amici, e quindi passavo molto tempo immerso nella musica.

Devo dire che la musica e’ sempre stata protagonista della mia vita.

La prima cosa che faccio appena sveglio accendo la radio, perche’ comunque la musica crea sempre un sottofondo nella mia quotidianita’.

Ma torniamo a noi….

Dopo un paio di anni di prove a casa, ho iniziato ad esportare la mia piccola esperienza di DJ a piccole feste di amici, compleanni, e comunque ogni pretesto era buono per suonare.

A 18 anni ho iniziato a fare sul serio e è iniziato l’iter che ha trasformato una passione in professione, iniziando a fare il dj come resident in piccole discoteche del lago, ad avere un ruolo come speaker in una piccola radio, e da li ho cercato di costruire il mio percorso musicale, che comunque e’ stato sempre legato alla musica dance commerciale (perche’ era quella che ascoltavo e che mi piaceva) e attraverso la mia curiosità guardando altri DJ molto affermati gia’ al tempo nel panorama musicale/radiofonico, ma anche guardando altri colleghi che suonavano in locali vicini a me, ho cercato di migliorarmi e di capire quale fosse la strada giusta per far divertire e piacere alla gente che veniva a ballare.

Si questo e’ cio’ che penso e che trasmetto ai giovani Dj che vengono in AUDIOACADEMY a Vicenza dove tengo dei corsi, un DJ puo’ essere bravissimo dal punto di vista tecnico, ma proporre musica non adatta al pubblico che e’ nel locale, e quindi risulta noioso e non bravo agli occhi e alle orecchie del pubblico, a differenza di uno meno tecnico ma che fa saltare e ballare la gente perche’ arriva direttamente agli animi e al cuore con la propria proposta musicale. Un DJ deve far divertire……

Questo racconto e’ un po la sintesi di chi e’ Alex Milani, di quale e’ stato il suo piccolo percorso artistico e di quello che ancora oggi cerca di trasmettere durante le sue serate e le dirette radio….
Un saluto e un abbraccio a tutti a 128 BPM

Alex Milani