Ognuno di noi in fondo interpreta un ruolo, e spesso è obbligato a sorridere, nonostante tutto , nonostante tutti..

Il clown da sempre rappresenta tristezza, goliardia, sorrisi, ma anche grandi verità, ancora una volta Silvia ha messo il cuore in questo stornello romano.

Buona lettura ..

Come ogni sera me vesto
pure contro voja m’appresto
nun me posso attardà
er pubblico se deve rispettà

pio er cerone e me lo passo
nun dev’esse troppo spesso
perchè se potrebbe sgretolà
e l’emozioni poi , rivelà

passo er nero sopra all’occhi
faccio ‘n po’ de scarabocchi
tanto poi vanno sfumati
cor pennello, su tutti li lati

‘n pò de rosso sopra ar naso
ch’è ‘n colore mai a caso
pur’ a bocca me ce faccio
sur viso bianco, come ‘n abbraccio

quanto è strano sto mestiere
che io faccio tutte ‘ e sere
ndo ce vole forza e amore
si c’hai da nasconne ‘n dolore

pìesse buffi e soridenti
devi strigne tanto i denti
cor soriso de ‘na jena
mo so pronto p’entrà ‘n scena

Silvia Iannotti