La Romanità non si può racchiudere in due righe ne tanto meno dietro ad una battuta o in un immagine, la Romanità la hai nel DNA……
Scrivere non è mai semplice, può sembrarlo, ma non lo è….scrivere poesie lo è ancor meno…
Prendere la penna tra le dita e scrivere un sonetto, trovare le rime, le parole, l’anima di una città…beh….qui entriamo in un altro universo….

Ancora una volta testi e immagini sono di Silvia Iannotti, e ancora una volta li ritroverete a breve nella raccolta : ” Ho troppe cose da dire per stare in silenzio”…. insieme ad altre sorprese…

LE MANI

Me piaceno le Mani
Me piace Guardalle
Pe’ sentì quello ch’ emani
Me basta da toccalle

Me basta guardà er movimento
a capì si c’hai quarche tormento
Si vedo come reggi ‘a sigaretta
Capisco si sei regina o “reginetta”

Si ‘ vedo sopra a ‘no strumento
Che poi è un meravijoso abinamento
Ortre ‘ a vista ce sta l’udito
Me basta er tocco der primo dito

Quanno poi so mani de bambini
Rotonne e co li ditini cicciottini
Me le magnerei a mozzichi
Je ce darei’ n sacco de pizzichi

Quello delle mani è ‘n particolare
Che da sempre vado a Guardare
Raccontano più de quello che se pensi
Basta solamente affidasse a li sensi

Quanno te presenti co’na stretta
Deve esse forte senza fretta
Che se num me comunicano ‘ mani
io nun te carcolo manco si passi domani

 

Silvia Iannotti