“La Romanità”, che strano termine, forse non esiste neanche ufficialmente, ma di sicuro per chiunque abbia avuto la fortuna di vivere anche per un solo giorno Roma, appare un termine che in una parola riesce a raccontare una cultura, una città…
Esistono persone, individui rari, che attraverso le loro doti innate , riescono a raccontare “la Romanità”
Non credo di dover aggiungere altro se non buona lettura e buona visione vi presento
Silvia Iannotti, testi e immagini ovviamente sono suoi….con lei abbiamo deciso di intraprendere un percorso editoriale che porterà entro alla fine dell’anno alla realizzazione di un progetto: ” Ho troppe cose da dire per stare in silenzio”

Nun me Vedi, ma esisto…

Pure se me metto in piedi
Te che passi nun me vedi
Co’ che fretta ve ‘n ‘annate
Pare quasi che scappate

Quanno che sta vita m’ha scerto
Er nonno mio s’è capovorto
N’avrei mai voluto fa sta fine
Ce penso sempre, tutte le mattine

Lunghe e fredde so le notti
C’ho li pedi scarzi e cotti
Co’n cartone pe’ coperta
Su ‘ na strada tutta aperta

Come letto sto sdraiato
Sopra ar marmo congelato
Si buttate li giornali
me ce faccio li guanciali

Un sorriso nun c’ha prezzo
Nun me merito disprezzo
Io non v’ho levato niente
Avoi che sete bella gente

Quindi stateve tranquilli
Perchè in testa nun c’ho grilli
Fate ‘na cosa ‘n pò ‘nconsueta
Passanno, regalate ‘na moneta

Silvia Iannotti