Giuseppe Gallato è nato nel 1982 a Ragusa. Laureato in Filosofia, docente, redattore e giornalista, ama liberare il suo estro creativo nella stesura di scritti di genere fantasy, sci-fi e horror, in cui emerge una particolare inclinazione per la componente onirica/introspettiva. 

Incantesimi nelle vie della memoria racchiude piccoli scorci del mondo potenzialmente sconfinato che vive oltre la materia, in cui la mente è libera di muoversi e di sperimentare e superare i propri limiti.

Giuseppe Gallato ci porta in viaggio nelle terre del sogno, e in dieci racconti ci mostra le tante facce del mondo onirico, anche le più oscure, in cui la morte incombe. In fondo c’è un legame forte tra sogno e morte, perché condividono lo stesso confine che li separa dalla realtà, dalla vita; i protagonisti delle storie si trovano spesso a cavalcare questa frontiera, a rimanere in bilico tra due mondi. I personaggi che ci accompagnano nel nostro peregrinare hanno spesso identità mutevoli e destini legati a un filo sottile, e per questo motivo sono alla ricerca di un’ancora, un punto d’appoggio per definire il loro essere, composto di materia ma anche di qualcosa di più sfuggente, si potrebbe dire la “materia di cui sono fatti i sogni”. E così questi uomini e donne che popolano Incantesimi nelle vie della memoria, cercando accessi al mondo onirico alla fine si rendono conto di essere essi stessi parte di quella realtà: nel sogno ogni uomo porta la parte mondana di sé ma sente anche di andare oltre la carne e il sangue, e allora delle porte si aprono e nuove percezioni si impossessano del corpo, guidate da una coscienza finalmente libera di espandersi. Ed è proprio questo l’incantesimo del titolo: l’ultimo stadio del sogno lucido, in cui la mente supera i propri confini e probabilmente raggiunge lo scopo ultimo del suo esistere. Ma non è solo l’affascinante tema dell’onirismo trattato in tutti i suoi aspetti, dal sogno lucido al coma, dal corpo onirico alla proiezione astrale, a colpire il lettore.

Gallato ha infatti uno stile di scrittura scorrevole e ricercato, ed è creatore di immagini intense e simboliche, come nel racconto Il settimo Custode, in cui della sabbia nera scorre dalle mura di una stanza e sommerge un protagonista terrorizzato dalla consapevolezza di “vivere” nel proprio sogno, e di essere destinato a proteggere quello sconosciuto piano di esistenza. E come non menzionare il creativo uso degli specchi, portali verso altre dimensioni in cui un essere uguale e diverso da noi sperimenta ciò che ci è negato, e che cerchiamo di afferrare attraverso il sogno. Incantesimi nelle vie della memoria è questo e molto altro, e non rimane che affidarsi al suo creatore, aprire il libro e immergersi nei profondi abissi della mente.

www.giuseppegallato.it
www.facebook.com/giuseppegallatowriter
www.caravaggioeditore.it

Titolo: Incantesimi nelle vie della memoria
Autore: Giuseppe Gallato
Genere: Raccolta di racconti
Casa Editrice: Caravaggio Editore
Pagine: 152
Codice ISBN: 978-88-95437-79-8

in collaborazione con

iltaccuino.ufficiostampa