Ancora una volta un tuffo nelle Romanità.

Esco de casa ancora assonnata
Ner friccicarello de sta mattinata
Allora me guardo n pò tutto ‘ntorno
La notte vaper fa posto ar giorno

Ecco che s’affaccia ‘n pò timoroso
‘n raggio de sole ner verde boscoso
s’apreno li fiori pe’ accoje er calore
E vedo tutte pennellate de colore

Petali co’n sacco de tonalità
E tutto ‘ ntorno ‘na gran vitalità
Sciamano l’insetti, fanno n’adunanza,
Tutti come fosse ‘na precisa danza

L’arberi se tendono e ripiano vigore
Se vestono se foije vibranti de fervore
spigneno li rami per ‘ accoije le gemme
Nascono li boccioli che pareno fiamme

Quanno che ariva la primavera
Cambia ‘n pò tutta l’atmosfera
L’aria se fa tutta profumata
E io me sento ‘n pò coccolata

Le belle giornata me danno energia
Er freddo dar core me portano via
E mentre quarche raggio me tocca er viso
a madre Natura Je regalo ‘n soriso

Silvia Iannotti