Romanità è sinonimo di sensibilità : Silvia Iannotti, tra immagini e parole…

Avete mai sentito ne la vostra vita
‘na quiete che ch’ è infinita
‘ndo er silenzio se fa assordante
Dopo ‘na distruzione allucinante

Sortanto ‘ na manciata de minuti
E li palazzi come carta so caduti
Vite strappate in’n solo momento
Polvere e macerie volate cor vento

Me pare inreale ‘n ce posso crede
La mente rifiuta quello che vede
Majette appese ‘na foto co’n nome
Dove ‘mpiedi ‘n ce sta più ‘n mattone

Fra case dimezzate e travi contorte
Cammino e respiro odore de morte
Me gela dentro sto senso de voto
Perchè la vedo co’n vorto ignoto

Me la ricordo quann’ero regazzina
Ce venivo spesso a trova’mi cugina
Me ricordo i profumi e ‘a gente
Era bella, pulita e ridente

Però nun vedo macerie sortanto
Pure si er lavoro è davvero tanto
Allora Guardo co’ più attenzione
E vedo la forza di quelle persone

Se sente come ‘n alito de speranza
Solo ‘n pensiero che se fa sostanza
De tutti quelli che so sopravvisuti
A ‘na maledetta manciata de minuti

Silvia Iannotti