L’Arte che ti entra nell’anima.
Diretta, senza filtri. Un’emozione che erompe splendida e potente, nella sua purezza.
Un’emozione che stimola la spiritualità, l’arricchisce, la completa.
È questo l’universo di Eugenio Galli, noto al grande pubblico come “l’Artista della Trascendenza”.
La sua, d’altra parte, è un’arte che non passa certo inosservata, oggi.
La profondità dirompente delle sue opere sta infatti scardinando quelli che, sempre più negli ultimi decenni, sono apparsi come i pilastri fondanti dell’arte contemporanea: un’arte, questa, troppo spesso basa sull’ossessiva ricerca dell’idea rivoluzionaria e del concetto destabilizzante.

Un art system sovente malato, perché fondato su opere- oggettivamente- degradate.
Un problema oltremodo radicato. Oltre un secolo fa, già lo aveva ben capito Lev Tolstòj, quando affermava: “L’arte pervertita può essere incomprensibile alla gente, ma l’arte buona è sempre comprensibile a tutti”.
L’arte buona, quella che fa bene all’anima.

Eugenio Galli ne è uno tra i massimi rappresentanti.

Lo abbiamo incontrato nel suo studio, a Seregno. Il bianco regna sovrano.
La luce trafigge lo spazio, le opere lo riempiono di spiritualità.
Tra una tela e una scultura, qualche pennello, tubetti di colore sparsi qua e là, uno scalpello…capisci subito che ti trovi in un atelier diverso dagli altri.
Quando poi il tuo sguardo si posa sull’opera nascente, l’ultimo capolavoro cui sta lavorando l’artista…ecco, in quel momento si materializza la Trascendenza.
Non sei più un semplice “osservatore”.
Entri nell’opera, diventi il protagonista assoluto della scena. La tua emozione sembra prendere forma.
Sei entrato nel meraviglioso universo artistico di Eugenio Galli.

4 Chiacchiere con….

Eugenio Galli   eugeniogalli.it

Eugenio, la sua arte si basa da sempre sul concetto di Trascendenza. Un concetto di origini antiche, che nelle sue opere risulta quanto mai contemporaneo. Da dove nasce tutto questo?

“Questa esigenza nasce dal fatto che mi ero stancato di trarre ispirazione, per le mie opere, dall’universo fisico. La trascendenza, invece, non ha pensieri, non necessita di stimoli esterni. Parte direttamente dall’individuo che si butta sulla materia, sulla tela per fare un’opera. L’arte astratta parte dal presupposto di astrarre qualcosa da un particolare. Trascendere è l’andare oltre la realtà dell’universo fisico, del pensiero, della ragione. Il sapersi estraniare totalmente. La mia linea pittorica-scultorea non prende perciò spunto da elementi materiali, da immagini o elaborazioni mentali, ma è l’individuo in quanto essere spirituale che crea, scevro da qualsiasi interferenza”.

Per creare, però, bisogna usare il proprio corpo, utilizzare attrezzi e gestire vari materiali.
“Sì. Ma questo rappresenta unicamente un automatismo derivante dalla tecnica acquisita. Non è il pensiero. Non si deve, dunque, confondere questa condizione con la casualità, proprio perché abbiamo la consapevolezza dell’essere”.

Durante la creazione dell’opera, come è possibile che l’artista possa estraniarsi totalmente, separandosi così completamente dalla sua parte emozionale?
“Non è facile. Eppure, quando creo, mi rendo conto di non dipendere da alcuna cosa materiale. Non è aspettare la condizione di estasi che ti consente di creare, ma è il creare che ti dà la condizione di estasi. Ed è proprio questo che garantisce la qualità universale a qualsiasi opera: sia essa un quadro, un brano musicale, un libro. L’opera non ha bisogno di intermediari: arriva soltanto attraverso lo spirituale. Ci sono artisti, d’altra parte, che avevano un carattere pessimo, ma creavano opere sublimi. Quando l’individuo crea, è come se si staccasse dalla sua condizione “umana”, ed entrasse in un mondo libero. Mi viene subito in mente Ennio Morlotti: aveva un carattere tremendo, ma le sue opere erano sublimi”.

Quali sono le caratteristiche fondamentali di un bel quadro?
“Un bel quadro deve essere guardato tutti i giorni, almeno 20 secondi, e non deve mai stancare. La mia opera, in una casa, non può essere un mero pezzo di arredamento: deve essere qualcosa che comunica emozioni. Certo, corollario automatico di tutto questo, è che la mia opera d’arte diventa anche una forma di investimento”.

Cosa pensa dell’art system attuale?
“Si tratta di un sistema malato, perché si cercano sempre idee nuove, che spesso si esplicitano in opere degradate. D’altra parte, anche Tolstoj affermava: “L’arte degradata non è mai comprensibile al pubblico, mentre l’arte buona è sempre comprensibile”. Non ha senso avere un quadro in quanto status quo: un quadro lo si deve avere per l’emozione che dà. L’importante, in ogni ambito artistico, è il messaggio comunicativo che l’opera dà. Purtroppo, oggi, chi acquista opere d’arte non lo fa in maniera autodeterminata, bensì basandosi su consigli di operatori del settore (galleristi, critici, direttori di musei). E tutto ciò va a detrimento dei veri protagonisti, ossia dell’opera e del fruitore. Oggi, sull’opera, prevalgono le idee, le opinioni. Molti artisti acclamati negli ultimi decenni, sono poi crollati definitivamente. Perché la critica non li supportava più. Di contrappunto, pensiamo per esempio agli impressionisti: denigrati al loro tempo da tutti, oggi sono diventati l’emblema di un’arte immortale. Questo è la vera Arte: spiritualità, emozione e immortalità”.

Anna Maria Girelli Consolaro

Intervista segnalata da Paola Dongu

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here