Estate 2018, Pietrasanta, una cittadina toscana che al solo pronuciarne il Nome evoca Arte, cultura e creatività, in una serata evento organizzata dalla Gallerista Barbara Paci presso la sua villa,  un evento che parlava vedeva coinvolti, guarda caso, Arte e Charity durante la quale si è celebrato il genio di Michelangelo attraverso un cortometraggio  Michelangelo Antonioni e una serie di foto di Aurelio Amendola, serata organizzata a favore dell associazione CUORE SPECIALE  difendi il suo futuro di

Manuela Bascherini , una persona meravigliosa, che si occupa di sensibilizzazione nei confronti delle disabilità e che come Free Magazine abbiamo deciso proprio da quella sera di supportare nella sua missione .

Il parterre era vario e interessante, galleristi, artisti, fotografi, collezionisti e amanti dell’Arte.

Qui Conobbi Alessandra Politi Pagnoni,apparenetemente distante e distratta , sembrava inizialmente quasi fuori luogo, la notai ancor prima di entrare, mentre parcheggiavo, riconobbi il suono di una moto a me cara, una Harley, mi girai, ed vidi lei.

Una volta dentro , dopo pochi minuti incrociammo lo sguardo e iniziammo a parlare subito, e trovammo molti argomenti comuni sui quali scambiare opionioni,  su tutti l’Amore per le Jaguar il mare e gli Squali , che non a caso spesso sono protagonisti nelle sue opere.

E’ un artista anche lei, e crea con due materiali viv che amo da sempre, il legno e il marmo; chiesi di poter vedere le sue opere, e mi diede l unico catalogo che casualmente portava con se, non è solita andare alle serate per promuoversi, ma per fortuna in questo caso, una copia l’aveva dimenticata nella sua borsa. Arte facile da comprendere, empatica, tra design e creatività, immediata, sarà per il mio trascorso legato al mondo dell’interior design, ma quelle linee, quelle forme, quei soggetti  mi sono entrati da subito dentro.

Mentre scrivo sto pensando a come poter descrivere Alessandra, e credo che le  parole , che ho letto nel suo sito, siano perfette per raccontare l anima di questa artista, per la sua Arte, basteranno le splendide immagini, come amo sempre ripetere,

l’Arte non va raccontata, ma va vissuta….

Alessio Musella

Buona lettura

“Due gambette buffe che la fanno camminare dondolando in fuori come una che fosse stata in sella da appena nata o che tenesse il suo corpo in equilibrio sulla prua di una barca.

Due braccia esili da bambino che terminano in due mani piccole, ma forti e nervose, capaci di prendere, strigere, toccare, non come le inutili mani femminili, quasi sempre così inermi e fastidiosamente gentili, fatte per sfiorare, per quelle carezze consolatorie così poco coraggiose.

La bocca piccola, ma gioiosa e irridente, Il viso triangolare come quello di un folletto, , gli occhi grandi e trasparenti, un lampo di intelligenza bella, inquieta, vorace, spalancata sul mondo; ansiosi, attenti occhi che guardano molto, registrano, fissano, scartano e approvano con uno stupore timido e arrogante.

Quando usa il suo corpo, sia che lavori, sia che si lavi, fischia e fischia bello teso; un fischio deciso che accompagna la voglia del fare.

Questo fa del piccolo argonauta qualcosa di straordinario, qualcuno di speciale, qualcuno difficile, un piccolo turbamento che si sdraia sulla vita di chi le piace.”

www,alessandrapoliti.com

Vive e lavora in Versilia, crea sculture principalmente in marmo.

Per sei anni ha studiato le tecniche di lavorazione del marmo grazie a tutori importanti come Gigi Guadagnucci e Viliano Tarabella: due scultori nati fra il marmo apuano che le  hanno insegnato, prima di tutto, come amare il materiale e il metodo per trarre da esso il coraggio di scommettere sulla materia.

I materiali per Alessandra  sono  essenziali al punto da condizionare le sue scelte creative. Esegue personalmente ogni fase della realizzazione dell’opera, dall’inizio alla fine.

Nel tempo dal marmo è passata a lavorare il legno, giocando anche con un particolare legno policromo, e il metallo: due materiali che l’hanno affascinata da sempre  e continuano a ispirarare la sua creatività.

Alla scultura alterna la creazione di oggetti di design, l’ispirazione non ha confini di settore…