Dietro l’arte non c’è solo un volto o un soggetto da rappresentare.

L’arte, al contrario, nasconde sempre una missione, un messaggio di cui farsi portavoce, una storia da ripercorrere, un particolare da ridisegnare.
È un pensiero oggettivo che si mescola con valori molto più che profondi, è
l’incarnazione di un punto di vista capace di cogliere le trasformazioni in atto e
plasmarne l’essenza.

Artista è colui che nelle sue opere alla bellezza delle forme sa coniugare una forte apertura al mistero della vita e l’impegno sociale.
Proprio come Adele Ceraudo, nata a Cosenza ma da sempre girovagante per
seguire la forte passione per l’esplorazione e la conoscenza, ha affiancato alla
produzione artistica la grafica e la fotografia.

La sua formula magica?

È il labirintico universo femminile, nel quale è consentito gravitare solo a chi pensa con il cuore, a chi è delicato, emotivo e sentimentale.
Un mondo complesso che lei rappresenta avvalendosi di una gran varietà di mezzi
espressivi, contaminandoli al singolare disegno con la penna Bic, da cui deriva il
suo nome d’arte “Lady Bic”.

Artista eclettica, le cui scelte, come lei stessa afferma, si muovono in funzione al
bisogno di relazioni vere e comunicazione profonda con gli altri. Si fa interprete di
un messaggio apparentemente circoscritto ed imprigionato, in grado di coniugare
forme sociali, antropologiche e culturali che ripercorrono un percorso di
esplorazione all’interno del disegno.

Le donne hanno oggi un rapporto sempre più complicato con il proprio corpo e, a
renderlo ancor più conflittuale, ci sono centinaia di anni di pressioni sociali. E quale
mondo, se non quello attuale, fatto di contenuti sessisti e carenti ha bisogno di
forme semplici e caratteri naturali?

La nostra società difficilmente ricorda la terra scura che si lasciava modellare dagli
aratri trainati dai cavalli, ma con tanta leggerezza lascia trasparire come eredità
ancestrale l’immagine di Eva che non sa resistere al frutto proibito del diavolo
tentatore.

Non può che essere complesso, a questo punto, il tentativo di modellare
il pensiero in materia di donne.
Pertanto, Adele riparte dalle cose più genuine ed autentiche.

E così come l’invenzione si nutre di pure idee e creatività, così come l’amore trova il proprio miracolo nei sentimenti, allo stesso modo l’artista riscopre nella sua personale
esperienza la volontà di metterla a frutto attraverso il proprio disegno.

L’obiettivo è, dunque, quello di celebrare le sfide legate alle minacce femminili e al
superamento dei cliché, con un mix imparziale di pacato classicismo ed estrema
contemporaneità e attraverso la reinterpretazione al femminile di opere note, al fine
di sottolineare la forza, la vendetta e il riscatto della donna come presenza
fondamentale nella nostra storia.

Annamaria Miniscalchi

English Version

Behind the art there is not only a face or a subject to represent. Art, al
otherwise, it always hides a mission, a message to be a spokesperson, a
history to retrace, a detail to redesign.

It is an objective thought that is mixed with values ​​that are much more than profound, it is the embodiment of a point of view capable of grasping the transformations taking place and to shape its essence.

Artist is the one who in his works to the beauty of forms knows how to combine a strong openness to the mystery of life and social commitment.
Just like Adele Ceraudo, born in Cosenza but always wandering around
following the strong passion for exploration and knowledge, has joined the artistic production graphics and photography.

Her magic formula?

It is the labyrinthine feminine universe, in which it is allowed to gravitate only to those who think with the heart, to those who are delicate, emotional and sentimental.
A complex world that you represent using a great variety of means expressive, contaminating them with the singular drawing with the Bic pen, from which the
her art name “Lady Bic“.
An eclectic artist, whose choices, as she herself states, move in function of the
need for real relationships and deep communication with others. She is interpreter of
a message apparently circumscribed and imprisoned, able to combine
social, anthropological and cultural forms that trace a path of
exploration within the design.

Women today have an increasingly complicated relationship with their bodies and, a
to make it even more conflicting, there are hundreds of years of social pressure.

And which world, if not the current one, made of sexist and deficient contents needs
simple shapes and natural characters?
Our society hardly remembers the dark earth that let itself be modeled by the
horse-drawn plows, but with such lightness it reveals itself as an inheritance
ancestral the image of Eve who does not know how to resist the forbidden fruit of the devil tempter.

At this point, the attempt to model can only be complex thinking about women.
Therefore, Adele starts from the most genuine and authentic things.

And just as the invention feeds on pure ideas and creativity, just as love finds its own miracle in the feelings, in the same way the artist rediscovers in her personal experience the will to put it to good use through your own design.

The objective is, therefore, to celebrate the challenges related to female and human threats overcoming clichés, with an impartial mix of calm and extreme classicism
contemporaneity and through the feminine reinterpretation of known works in order
to emphasize the strength, revenge and redemption of women as presence fundamental in our history.